Dalla cucina, alle confetture ValCor al blog Capricci Golosi.

Questo è il percorso che mi ha portato fino a qui: una grande passione per la cucina, l’attaccamento alle preparazioni tradizionali, la curiosità di rivisitare il tutto e reinterpretarlo in chiave moderna. In questo modo sono nate le confetture ValCor e per lo stesso motivo ho voluto aggiungere un blog che parlasse di cucina, tradizione ed ingredienti.

ValCor e la rivalutazione della semplicità in cucina

Tutto è iniziato in una di quelle annate da dimenticare se non fosse per i pochi, buoni frutti che ha lasciato. Tutto è iniziato il 13 febbraio 2016, da una confettura di Pera Decana e noci.

Grazie alla complicità di quelle rare persone speciali che riescono a vedere chi sei prima ancora che tu lo sappia, mi sono buttata nella preparazione di confetture.

Non le solite marmellate che ho sempre visto fare in casa mia. In realtà, ho iniziato a farle proprio perché la loro definizione di “preparati zuccherosi” adatti alla merenda dei bambini e ad una crostata di frolla mi sembrava riduttiva, non rendeva loro onore.

Volevo che le mie confetture tornassero tra le persone della mia età e vivessero il loro momento di gloria in occasioni inaspettate. Volevo che la tradizione a cui sono affezionata ricevesse una ventata di aria fresca per tornare attuale.

Lavorare con le confetture, le spezie, le erbe, la frutta secca, mi ha portato a prestare un’attenzione sempre maggiore agli ingredienti, rivalutando la semplicità della tradizione che mi circonda.

Lavorare con le confetture ha cambiato il mio approccio alla cucina.

Se prima ero sempre alla ricerca del piatto sorprendente, del metodo di cottura particolare, della novità, adesso il mio rifugio sono le ricette di casa, i sapori della mia zona, le lunghe cotture, le preparazioni lente, la pasta fresca.

E l’idea del blog?

Beh, semplice: ad un certo punto la cucina, i vasetti e le confetture sono diventati stretti. Volevo far sapere quello che stavo facendo.

Per questo mi serviva uno spazio mio, dove un fatto banale diventa speciale solo grazie all’aggiunta di dettagli, proprio come ho fatto con le confetture.

cruffin

Cruffin con lievito madre

Era un sacco di tempo che volevo fare i cruffin. Una via di mezzo tra i croissant sfogliati e i muffin, dai quali ereditano la forma, sono caratterizzati da una pasta brioche sfogliata velocemente. Come ormai avrete capito sono un’amante del lievito madre e così, alla treccia alla cannella e al mio pandoro delle feste,…

Leggi
cappelletti in brodo

Cappelletti in brodo

Cappelletti o tortellini? Carne o formaggio? Minuscoli e precisi o più grandicelli e ricchi di ripieno? Questo post non è sicuramente per chi sta cercando una definizione precisa, ma spero che possa essere di aiuto a chi si sta chiedendo come cucinare un buon piatto di cappelletti in brodo. Non saranno infatti l’antidoto contro il…

Leggi
Cenci fritti o frappe

Cenci fritti o chiacchiere di carnevale

La mia estrema mancanza di regolarità, regolarmente torna a colpire e così, con un salto di ben due mesi, passiamo dalla ricetta dei ricciarelli alla ricetta dei cenci fritti (ma anche chiacchiere, bugie, crostoli, frappe e chi più ne ha più ne metta). Non che nel frattempo mi sia dimenticata di cucinare. Ho passato gli…

Leggi
Ricciarelli di Siena

Ricciarelli di Siena e un menù per Natale

Sono facili da fare i Ricciarelli? Sì, facilissimi! Non avrei mai creduto neanche io. Da sempre i miei dolci di Natale preferiti, credo che davvero rappresentino il Natale per la maggior parte dei toscani (e spero anche fuori). Siena e i Ricciarelli La loro patria è Siena, dove ogni pasticceria, forno o laboratorio produce la…

Leggi
Treccia lievitata alla cannella

Treccia alla cannella

Ho un debole per i dolci lievitati. Credo di averlo da quando, ancora alle scuole superiori, ho assaggiato un dolce, tra l’altro vegano, in cui la base era appunto fatta con lievito di birra. Il dolce in questione non incontrò il gusto della maggior parte dei componenti della mia famiglia ma a me piacque da…

Leggi