Valentina, toscana doc, nata e cresciuta in Casentino, la cucina è sempre stata nelle mie corde.
La mia prima minestra di patate l’ho cucinata a 6 anni e a chiunque mi chiedeva che cosa avrei fatto “da grande” rispondevo che avrei avuto un ristorante.

La cucina non è diventata la mia professione ma è sempre stata un rifugio.

Dicono che l’immersione totale in un’attività manuale equivalga a una forma di meditazione.
Forse quella più adatta a me: una meditazione che è movimento, concentrazione, creatività.

Impastare il pane, regolare la densità di una salsa, incorporare lentamente gli albumi facendo attenzione a non smontare il composto, legare con precisione la carne per mantenerne la morbidezza sono rituali che compio per ritrovare l’ordine quando i pensieri si affollano.

Le confetture e il blog

Dalla cucina, alle confetture ValCor al blog Capricci Golosi.

Tutto è iniziato in una di quelle annate da dimenticare se non fosse per i pochi, buoni frutti che ha lasciato. Tutto è iniziato il 13 febbraio 2016, da una confettura di Pera Decana e noci.

Grazie alla complicità di quelle rare persone speciali che riescono a vedere chi sei prima ancora che tu lo sappia, mi sono buttata nella preparazione di confetture.

Volevo che le mie confetture tornassero tra le persone della mia età e vivessero il loro momento di gloria in occasioni inaspettate.

Volevo che la tradizione a cui sono affezionata ricevesse una ventata di aria fresca per tornare attuale.

Ho reso protagoniste le verdure e la frutta di stagione, le ho accompagnate con elementi insoliti, ho ricercato i contrasti.

Lavorare con le confetture ha cambiato il mio approccio alla cucina.

Se prima ero sempre alla ricerca del piatto sorprendente, del metodo di cottura particolare, della novità, adesso il mio rifugio sono le ricette di casa, i sapori della mia zona, le lunghe cotture, le preparazioni lente, la pasta fresca.

E l’idea del blog?

Beh, semplice: ad un certo punto la cucina, i vasetti e le confetture sono diventati stretti.

Mi serviva uno spazio mio, dove rendere speciale un fatto banale con la sola aggiunta di tanti dettagli, proprio come ho fatto con le confetture.

Il cibo è comunicazione: un piatto racconta storie del passato, parla di me nel presente e, forse, rappresenta la mia migliore eredità per il futuro.

Benvenuti quindi a tutti coloro che sono arrivati a leggere il blog e buone ricette.

panna cotta mirtilli e more

Panna cotta mirtilli e more

Quest’anno la montagna non ci ha regalato i tradizionali porcini per la cena di fine vacanza (in realtà non abbiamo fatto una ricerca seria) ma un barattolino di mirtilli selvatici che hanno subito richiamato l’abbinamento più tradizionale: la panna cotta. D’estate non cucino Non dico di odiare l’estate, non sarebbe vero. MI piacciono la luce…

Leggi
berlingozzi del Casentino

Berlingozzi toscani all’anice – ricetta di Pasqua

La ricetta dei berlingozzi toscani arriva proprio in extremis per la Pasqua. D’altronde, qui in Casentino, ridente valle della Toscana, non è Pasqua senza i berlingozzi all’anice. Di questa preparazione, che vedo fare da sempre nella mia zona nel solo periodo di Pasqua, ho sempre cercato storia e origini ma senza mai trovare troppe informazioni.…

Leggi
budino con crema di riso

Budini di riso, la colazione dei toscani

Ma qualcuno sa perché si chiamano budini di riso? Eppure hanno tutto fuorché la consistenza di un budino. Detto questo, lo so che in ogni forno pasticceria della capitale del Granducato si trovano in vetrina col nome di budini ma a me piace chiamarli tortini di riso. Perché per me sono proprio quelli: gustosissimi cestini…

Leggi
Torta autunnale

Torta autunnale all’arancia e frutta

Questa è una ricetta di una torta autunnale soffice ricca di sapori di stagione. È una torta facile, ma facile sul serio. Non sto neanche a girarci tanto intorno perché questa è una ciambella da fare al volo, quando abbiamo 10 minuti liberi e in quei 10 minuti vogliamo fare qualcosa che profumi la cucina…

Leggi