La pagina più difficile del blog

Ma partiamo dalle certezze: mamma di Tommaso, nata e cresciuta in Casentino, da cui mi sono allontanata solo durante il periodo dell’università. Per frequentare il corso di Scienze della comunicazione ho vissuto a Siena per 5 anni, in via di Castelvecchio, proprio sul cucuzzolo.

La cucina è sempre stata nelle mie corde: la mia prima minestra di patate l’ho cucinata a 6 anni. A chiunque mi chiedeva che cosa avrei fatto “da grande” rispondevo che avrei avuto un ristorante.

Adoro fare shopping per la casa e la cucina. Ho una certa avversione per i negozi di abbigliamento, soprattutto per quelli dove la commessa ti segue e alla fine, facendo leva sulla mia odiosa incapacità di dire di no, riesce a farmi comprare cose.

L’insofferenza per le commesse insistenti è quasi pari alla mia goffaggine nel camminare sui tacchi o nel dedicarmi ad attività tipicamente femminili come trucco e manicure.

Mi piace leggere libri, il caminetto d’inverno, inventare e realizzare confetture, organizzare viaggi.

Ad un locale affollato o una discoteca preferisco una buona cena in una piccola osteria dall’atmosfera calda e accogliente ed una passeggiata in centro.

Io e le mie ricette

Fino a poco tempo fa, pensavo che le ricette di casa fossero un tesoro da conservare gelosamente. Invece no, voglio che la mia cucina sia un’opportunità da condividere.

Perché? Beh, perché penso che i miei “tesori culinari” siano sempre e comunque al sicuro.

Perché quello che conta è la “mano”. Le mie preparazioni non saranno mai uguali a quelle di nessun altro: né migliori né peggiori, mie.

Perché chi, come me, è davvero appassionato di cucina, non si accontenterà di riprendere una ricetta così come è, ma si sforzerà di farla sua, aggiungendovi un pò di sé.

Perché il cibo è comunicazione: un piatto racconta storie del passato, parla di me nel presente e, forse, rappresenta la mia migliore eredità per il futuro.

Benvenuti quindi a tutti coloro che sono arrivati a leggere il blog e buone ricette!

Ah! Il nome Capricci Golosi? Beh, questa è una storia lunga che sta ancora aspettando il suo lieto fine. So che arriverà prima o poi: appena inizierò ad intravederlo, non mancherò di raccontare.

Stracotto di manzo

Una ricetta per lo stracotto di manzo

Iniziamo dalle cose certe: lo stracotto è uno dei miei piatti di carne preferiti.   Innanzi tutto perché appartiene alla categoria delle lunghe cotture, proprio come il mio adorato peposo. E si sarà capito che, per vari motivi, adoro le lunghe cotture.   Ma ci sono altre qualità che fanno di questa preparazione una specie di…

Leggi
Torta mantovana con i pinoli

Torta mantovana…con tanti pinoli

Settembre è iniziato con un rientro dalle vacanze, la prima nebbia mattutina e una superba riorganizzazione degli spazi in cucina. Dopo oltre 6 anni, era davvero l’ora di cambiare qualcosa. Cambiamenti impercettibili e insignificanti per chi li guarda da fuori, una piccola rivoluzione per me, abituata ai soliti spazi da ormai troppi anni. Dopo aver…

Leggi
Carbonara con fiori di zucca

Carbonara con fiori di zucca

Questo post è vivamente sconsigliato ad un pubblico di puristi. Oggi si parla di un classico: la Carbonara (con la C maiuscola). Una di quelle preparazioni spinose, dove, se cambi anche uno solo degli ingredienti stabiliti dalla tradizione più consolidata rischi di incorrere nella famosa blasfemia culinaria. Con tanto di insurrezione da parte dei custodi delle…

Leggi
panino frittata cipolle e salsa di yogurt e senape

Panino alla curcuma, frittata di cipolle e finta maionese allo yogurt e senape

Pranzo al sacco? Panino con la frittata! L’odore della frittata è inconfondibile. Quello che ho impresso però, non è l’odore della frittata che cuoce all’ora di cena, mescolato agli altri profumi che vengono dalla cucina. No, mi è rimasto indelebile nella testa l’odore della frittata cotta al mattino prestissimo, della frittata che si mescola all’odore…

Leggi